Interpellanza Circolo Culturale Islamico di Curno

Gentilissima Dott.ssa Perlita Serra

Sindaco di Curno

 

 

Interpellanza, con richiesta di risposta scritta, ai sensi dell’art. 30 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 11.03.2012.

Curno, 15 Settembre 2014

 

OGGETTO: Situazione circolo culturale islamico / Unione comunità Islamiche di Curno

Gentilissima Dott.ssa Serra,

Le poniamo questa interpellanza nel massimo rispetto e spirito di collaborazione, nell’interesse e nella necessità di sicurezzadi tutti i cittadini di Curno.

Non le saranno sicuramente sfuggite le notizie (che in questi giorni riempiono non solo la stampa nazionale ma anche quella locale) riguardanti Bilal Bosnic, imam, jihadista, convinto sostenitore dello Stato dell’Islam, un predicatore che porta la parola di Allah nel Nord Italia, con vere e proprie tourné, una tappa anche a Bergamo (chissà forse anche a Curno?).

Come può immaginare queste notizie non ci lasciano particolarmente sereni, anche alla luce del fatto che a Curno ha sede una comunità molto numerosa e attiva di credenti di fede Islamica, provenienti non solo da Curno ma da tutta la provincia, a cui la sua amministrazione ha dimostrato di essere molto vicina nelle parole e nei fatti.

Siamo sinceramente preoccupati dalle notizie che vengono rese note e ci chiediamo se l’amministrazione sia  in possesso di rassicurazioni certe circa i contenuti ed il tipo di propaganda delle adunanze che l’amministrazione ha autorizzato nel tempo all’interno dei locali di proprietà comunale (vedi palestra delle scuole medie di Via Pascoli – Curno), a nostro parere in modo illegittimo, come già segnalato tramite interrogazione, nonché all’interno della sede del Circolo Culturale Islamico di Curno.

Per dovere di cronaca Bilal Bosnic si professa reclutatore in Italia per l’ISIS, come lei saprà gruppo estremista che segue la linea dura dell’ideologia di al-Qaeda e aderisce ai principi dello jihadismo globale; come al-Qaeda e molti altri gruppi jihadisti odierni, ISIS emerge dall’ideologia dei Fratelli Musulmani.

ISIS segue un’interpretazione estremamente anti-occidentale dell’Islam, promuove la violenza religiosa e considera coloro che non concordano con la sua interpretazione come infedeli e apostati; allo stesso tempo ISIS mira a fondare uno stato islamista.

Ogni Primo Cittadino credo sia in dovere di prendere le dovute distanze da questi fenomeni e raccogliere informazioni dettagliate a tutela dei cittadini e della cosa pubblica partendo dalla sospensione delle autorizzazioni concesse dal comune alle adunanze in luoghi di proprietà comunale.

Come rappresentante di Curno Oltre e Lega Nord, ma soprattutto come cittadino di Curno, sono rimasto anche negativamente colpito nel vedere un Sindaco, che ha fatto dell’emancipazione e della tutela della donna il tema predominante della propria attività culturale sul territorio, portare con fascia tricolore il saluto ufficiale della cittadinanza presso una comunità che non riconosce alla donna la possibilità di poter stare a pari livello con l’uomo in occasioni pubbliche.

Tutto questo addirittura in una struttura pubblica – palestra della scuola secondaria di primo grado – non solo non adeguata dal punto di vista della sicurezza e del rispetto della normativa in materia della prevenzione incendi, ma addirittura in contrasto con la destinazione d’uso prevista dal piano dei servizi e la relativa polizza assicurativa.

A fronte di tutto questo, come già espresso nelle righe precedenti, chiediamo al Sindaco se esistano rassicurazioni certe circa i contenuti ed il tipo di propaganda delle adunanze del circolo culturale islamico di Curno. In mancanza di rassicurazioni a riguardo chiediamo che vengano sospese le autorizzazioni, anche saltuarie, all’utilizzo dei locali di proprietà comunale.

Nel ringraziarla per l’attenzione accordataci, resto a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento a riguardo.

 

Il Capogruppo della Lista Claudio Corti Sindaco

Commenta per primo